Madeinkitchen Blog http://www.madeinkitchen.tv/blog - Fri, 13 Jan 2012 11:50:50 +0000 http://wordpress.org/?v=2.8.4 en hourly 1 Idee per Halloween: la Farinata di Zucca http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/idee-per-halloween-la-farinata-di-zucca/ http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/idee-per-halloween-la-farinata-di-zucca/#comments Fri, 21 Oct 2011 12:40:34 +0000 Redazione http://www.madeinkitchen.tv/blog/?p=42693

zucca3

Un’altra idea per il vostro menu di Halloween potrebbe essere la Farinata di Zucca Genovese, che unisce la tradizione regionale con quella della festività americana. La Farinata di Zucca è una torta salata davvero buona e particolare, ecco di seguito la ricetta.

Ingredienti

Per la sfoglia (le dosi fatele a occhio)

2 bicchieri d’acqua

1 bicchiere d’olio extravergine di oliva

farina (la quantità vedetela voi a occhio a seconda dell’impasto)

Sale

Per il ripieno:

2,5 kg di zucca cruda

500 gr di farina tipo 00

200 gr di parmigiano reggiano grattugiato

1 tazza di latte

100 gr di polenta

1 cucchiaio di zucchero

olio extravergine d’oliva

sale

origano

Procedimento:

Preparate come prima cosa la sfoglia: In una ciotola mettete l’acqua, l’olio e un pizzico di sale; dopo di che cominciate ad aggiungere la farina a pioggia mescolando velocemente con le mani. Aggiungete farina finché il liquido non sarà totalmente assorbito e a questo punto mettete l’impasto su un pianale e impastate, se necessario aggiungete altra farina. Quando la pasta diventerà bella liscia sarà pronta. Mettete la pasta da parte coperta da un panno.

Ora dedicatevi al ripieno, operazione assai semplice. Grattugiate tutta la zucca cruda. A parte, in una ciotola, unite e amalgamate bene la polenta, la farina, il latte e lo zucchero. A questo punto incorporate la zucca, l’olio, il sale e mescolate finché non otterrete un composto omogeneo.

Adesso tirate la sfoglia, cercate di farla più sottile possibile. Oleate per bene un tegame, e riponetevi la sfoglia. Dopodiché versate il ripieno e richiudete i bordi. Cercate i 2 cm di spessore della torta perché la zucca, essendo cruda, deve cuocere in modo uniforme.

Date una spolverata di origano e infornate a 200° per circa 2 ore. Mi raccomando controllate sempre che non si bruci. Tolta dal forno lasciatela raffreddare e poi servite a fette.

Ti potrebbero anche interessare

]]>
http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/idee-per-halloween-la-farinata-di-zucca/feed/ 0
La ricetta della Trippa alla Romana http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/la-ricetta-della-trippa-alla-romana/ http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/la-ricetta-della-trippa-alla-romana/#comments Wed, 05 Oct 2011 07:30:34 +0000 Redazione http://www.madeinkitchen.tv/blog/?p=42479 trippa1

La Trippa è uno dei capisaldi della cucina di Roma, la trippa alla romana è oltretutto un piatto molto semplice da eseguire, ecco a voi la ricetta.

Ingredienti

Trippa tagliata a listarelle
Polpa di pomodoro
Cipolla, sedano e carota tritati
Mentuccia
Pecorino Romano in quantità
pepe nero macinato
Olio extravergine di oliva
Vino rosso

Procedimento

Fate un soffritto con abbondante olio extravergine di oliva e il trito di cipolla, carota e sedano. Fate dorare la trippa a fiamma viva assieme al soffritto, quando vi sembra dorata al punto giusto sfumate con il vino, lasciatelo evaporare per bene e dopodiché aggiungete la polpa di pomodoro e fate cuocere il tutto a fiamma media per circa 10 minuti.

A questo punto aggiungete abbondante pepe nero, salate quanto basta, coprite con un coperchio e continuate a cuocere finché il sugo non si è ben amalgamato con le trippe, aggiungendo di tanto in tanto un mestolo d’acqua o, se lo avete, di brodo, per aiutare la cottura e fare in modo che il tutto non si asciughi troppo.

A parte sminuzzate la mentuccia e mischiatela con abbondante percorino romano. Una volta cotta la trippa mantecate con il pecorino e la mentuccia, servite il piatto ben caldo e buon appetito!

Ti potrebbero anche interessare

]]>
http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/la-ricetta-della-trippa-alla-romana/feed/ 0
Ricetta del Baccala’ alla Livornese http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/portate/secondi/ricetta-del-baccala-alla-livornese/ http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/portate/secondi/ricetta-del-baccala-alla-livornese/#comments Thu, 22 Sep 2011 07:30:37 +0000 Redazione http://www.madeinkitchen.tv/blog/?p=42369 bacc

Ecco un sapore tipico toscano, il Baccala’ alla Livornese, una ricetta dall’esecuzione più che semplice ma dal sapore intenso.  Le dosi sotto indicate sono per due persone.

Ingredienti

400 gr di baccalà già ammorbidito e dissalato

1 spicchio d’aglio

prezzemolo

200 gr di pomodori (se in stagione freschi)

olio extravergine d’oliva q.b.

farina q.b.

Procedimento

Tagliate il baccalà a tocchetti regolari e infarinateli uno a uno. Fate soffriggere lo spicchio d’aglio con l’olio d’oliva, una volta imbiondito calate in pentola il baccalà e fatelo rosolare e dorare su tutti i lati a fiamma alta, fatto questo potete aggiungere i pomodori precedentemente tagliati a tocchetti. Abbassate leggermente il fuoco, fate cuocere per circa una 20 di minuti e il gioco è fatto. A fine cottura aggiungete il trito di prezzemolo.

Ti potrebbero anche interessare

]]>
http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/portate/secondi/ricetta-del-baccala-alla-livornese/feed/ 0
Ricetta del cous cous alla trapanese (cuscus) http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/ricetta-del-cous-cous-alla-trapanese-cuscus/ http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/ricetta-del-cous-cous-alla-trapanese-cuscus/#comments Thu, 15 Sep 2011 13:35:21 +0000 Redazione http://www.madeinkitchen.tv/blog/?p=42313

cuscussu'

Il cous cous è un sapore tipico anche italiano, nella provincia di Trapani infatti  il cuscus trapanese è un vero e proprio piatto tradizionale. non solo nordafricano. Ecco a voi la ricetta da abbinare a qualsiasi zuppa di pesce, fateci sapere com’è andata!

Ingredienti:

Prezzemolo tritato

Cipolla

Aglio tritato

Alloro

Olio extravergine d’oliva

sale

pepe

Mandorle tritate

Cannella in polvere

Come prima cosa preparate una zuppa di pesce con un buon brodo. La cosa più complicata è la preparazione del cous cous vero e proprio. Il primo passaggio è l’incocciatura della semola, (fate attenzione che non sia precotta) per preparala alla cottura al vapore. L’incocciatura consiste nella lavorazione della semola a mano con un po’ di acqua in un contenitore possibilmente di terra cotta, in modo da ammorbidirla per bene.

Una volta finita l’incocciatura potete procedere con il condimento della semola con tutti gli ingredienti nelle dosi che preferite. A questo punto la semola è pronta per la cottura a vapore; per questa fase esiste una pentola apposita che si chiama couscoussiera, per chi non possiede la couscoussiera possono andare bene anche un setaccio o uno scolapasta di metallo, l’importante è che la cottura avvenga al vapore. La semola deve cuocere a vapore per circa un’ora a fuoco medio, dopodiché versate la semola in un recipiente capiente e versatevi dentro il brodo bollente ottenuto dalla zuppa di pesce, fino a coprirla leggermente, mescolate per bene e lasciate riposare un’altra ora. A questo punto il cous cous è pronto, servitelo assieme alla zuppa di pesce e… buon appetito!

Ti potrebbero anche interessare

  • No Related Post
]]>
http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/ricetta-del-cous-cous-alla-trapanese-cuscus/feed/ 0
Il sushi fai da te http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/finger/il-sushi-fai-da-te/ http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/finger/il-sushi-fai-da-te/#comments Mon, 04 Jul 2011 15:55:18 +0000 Redazione http://www.madeinkitchen.tv/?p=659 Sushi e Maki

Sushi e Maki

C’è chi lo consiglia perché ricco di Omega-3, chi lo ama perché è fashion e chi lo ordina per dimostrare la propria abilità con le bacchette; in ogni caso i sushi bar ed i ristoranti giapponesi da qualche anno sono diventati i locali più frequentati delle nostre città. Ma come tutte le mode anche questa sta iniziando a trasformarsi, passando da novità a consuetudine e lasciando quindi il campo ad una nuova moda.
Di quale nuova moda stiamo parlando? Della riscoperta del saper fare, della manualità, del piacere di invitare gli amici a casa e di stupirli con la propria abilità.

Passare un sabato sera a casa non è solo legato alla crisi ma sta diventando un piacere e se vogliamo anche una sorta di competizione tra amiche e amici. Perché a Roma come a Milano chi da sempre ama il sushi adesso cerca di realizzare a casa propria queste prelibatezze, perché la vera novità per stupire gli amici è proprio questa.

Ed ecco che i sushi-maker ed i maki-maker arrivano nelle nostre cucine proprio per aiutare noi adulti a realizzare dei… perfetti bocconcini di riso o degli invitanti rotolini di riso e alga, mentre in Giappone questi attrezzi sono considerati giochi da bambini.
Ma cosa serve esattamente, oltre ai sushi e maki maker, per una buona riuscita? Ovviamente del pesce fresco, reperibile solo dal pescivendolo di fiducia, che verrà sfilettato con un coltello affilatissimo, poi riso cotto in acqua con zucchero, sale e aceto di riso e mescolato con cucchiai di legno.

Ovviamente wasabi (ricordate quella pasta di rafano verde piccante che nel film di Luc Besson Jean Reno mangiava senza batter ciglio?), alghe nori, verdure e il gari, lo zenzero dolce che accompagna tutte le preparazioni.
Cos’altro serve? Soprattutto tanta pazienza e abilità. E per chi non vuole rinunciare a provare a fare il sushi e i maki, ma non ha l’abilità dei cuochi di Ginza, ecco che arrivano in soccorso le creazioni dei designer di tutto il mondo. E se un tempo al makisu, la classica stuoina in bamboo per arrotolare l’alga nori e in riso, si era affiancata l’innovativa versione in silicone, adesso ci sono svariati modelli di utili strumenti.

Si passa infatti dai modelli in legno con i quali si preparano sushi e maki quadrati, ai sushi roller prodotti in Germania al set Sushi Magic in vendita su internet, alle formine per realizzare maki a forma di cuore, per dimostrare il proprio amore per il sushi.

Ti potrebbero anche interessare

]]>
http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/finger/il-sushi-fai-da-te/feed/ 1
Zucchine a botte con speck, brie e uova http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/zucchine-a-botte-con-speck-brie-e-uova/ http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/zucchine-a-botte-con-speck-brie-e-uova/#comments Tue, 23 Mar 2010 09:58:20 +0000 Redazione http://www.madeinkitchen.tv/blog/?p=22190 Zucchine a botte con speck, brie e uova

La giornata sul blog di MadeinKitchenTV inizia con uno squisito secondo di Zucchine a botte con speck, brie e uova.

La ricetta è di Cigra Edizioni, che ogni Martedì e Giovedì ci delizia con piatti sempre originali e gustosi!

Porzioni 4
Tempo di preparazione 1 ora
Difficoltà 2
Prezzo indicativo 5-6 euro

Ingredienti

  • 160 gr di formaggio brie
  • 100 gr di speck non affettato
  • 4 zucchine tonde
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 20 gr di burro
  • 4 uova
  • 1 mazzetto di maggiorana
  • pepe in grani
  • sale

Preparazione
Lavate le zucchine, tagliate le calotte e svuotatele delicatamente con uno scavino, facendo attenzione a non romperle. Cuocete in abbondante acqua salata zucchine e calotte per 10 min nell’apposito cestello per la cottura a vapore.

Togliete il cestello dalla pentola e fatele intiepidire. Sminuzzate il brie, tagliate lo speck a dadini, ponete all’interno delle zucchine il brie, aggiungete lo speck sul fondo e sulle pareti, facendoli aderire al formaggio.

Sgusciate le uova e mettetene uno in ogni zucchina; salate, pepate, cospargete con il parmigiano e completate con il burro a fiocchetti. Sistemate le zucchine ripiene e le calotte in una pirofila, coprite con un foglio di alluminio per non far scurire le uova, cuocetele in forno a 200°C per 20 min.

Togliete la pirofila dal forno, lasciate riposare le zucchine per pochi istanti e guarnite con qualche fogliolina di maggiorana.

Questa e altre ricette, illustrate “passo a passo”, potete trovarle su: “DIARIO DELLA CUOCA” IN EDICOLA DA MARZO

Ti potrebbero anche interessare

]]>
http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/zucchine-a-botte-con-speck-brie-e-uova/feed/ 0
Cucina Toscana: Frittata dei poveri http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/cucina-toscana-frittata-dei-poveri/ http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/cucina-toscana-frittata-dei-poveri/#comments Wed, 17 Mar 2010 10:22:29 +0000 Redazione http://www.madeinkitchen.tv/blog/?p=21721 La Cucina Toscana: Frittata dei poveri

Il piatto che va ad arricchire la rubrica della Cucina Toscana quest’oggi è la Frittata dei poveri! Juls ci propone la ricetta con una valida introduzione…

Domenica sfogliavamo con mamma i libri di ricette in cerca di qualcosa che ci ispirasse per la ricetta settimanale dedicata alla cucina toscana, quando le si sono illuminati gli occhi: aveva trovato una ricetta che proprio le piaceva, che le ricordava un piatto che nonno faceva sempre a lei e zia quando erano piccine.

Cosa poteva aver catturato così la sua attenzione, di solito poco o per niente propensa a farsi affascinare da ricette e piatti ben fotografati? Nessun manicaretto, piatto complesso ed elaborato, fatto per stupire, niente che contenesse ingredienti ricercati, difficili da reperire e a volte pure da pronunciare… era un piatto che la rappresenta benissimo, la frittata con le briciole.

Questa frittata a Siena si chiama anche frittata dei poveri, perché cerca di tirare fuori il meglio da pochissimi ingredienti, permettendo di mettere in tavola una cena in pochi minuti e con un costo davvero contenuto.

Come in altri piatti tipici del senese – vedi i pici con le briciole – il protagonista è quella fetta di pane che è rimasta lì, troppo asciutta per essere magiata ma sicuramente non troppo vecchia da essere buttata o usata per fare la pappa agli animali.

Cosa c’entra tutto questo con mamma? Potrebbe quasi sempbrare offensivo! No, quello che voglio dire è che lei è proprio come questa ricetta di oggi: ama le cose semplici, non pretenziose, è buona e rassicurante come una frittata fatta con le uova fresche del contadino.

Mamma che mi prepara una frittatina per cena è una scena che si ripete spesso nei miei ricordi di bambina: il rumore della forchetta che sbatte nel piatto di coccio, il giallo carico delle uova delle nostre galline, lo sfrigolare dell’olio quando mamma versa le uova nella padellina, la frittata spumosa e leggera che piano piano si sgonfia nel mio piatto, e poi l’immancabile carezza

Porzioni 1
Tempo di preparazione 10 minuti
Difficoltà 1
Prezzo indicativo 2-3 euro

Ingredienti

  • 2 uova freschissime
  • latte, un po’… diciamo 50 ml
  • 1 fetta di pane toscano vecchio di almeno 1 giorno
  • 1 cucchiaio di parmigiano grattato
  • sale e pepe
  • olio extravergine di oliva

Preparazione

Sbatti le uova con un pizzico di sale e pepe, aggiungi il latte e un cucchiaio di formaggio. Nel frattempo scalda 2 cucchiai di olio di oliva in una padellina antiaderente. Quando è ben caldo sbriciola con le mani la fetta di pane e fai dorare le briciole, facendo attenzione a che non brucino.

Se necessario aggiungi un altro cucchiaio di olio, aspetta che sia caldo e versa la frittata. Fai rapprendere l’uovo di sotto, stacca con una spatolina in legno dai bordi la frittata e girala in modo che l’uovo si rapprenda anche dall’altra parte.

Servi subito caldissima come un antipasto insolito – tagliata a striscioline o cubetti – o come secondo piatto, con un contorno di insalata mista e l’immancabile fetta di pane toscano.

Ti potrebbero anche interessare

]]>
http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/cucina-toscana-frittata-dei-poveri/feed/ 0
Romanità a tavola: lo stufatino http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/romanita-a-tavola-lo-stufatino/ http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/romanita-a-tavola-lo-stufatino/#comments Tue, 16 Mar 2010 10:40:26 +0000 Redazione http://www.madeinkitchen.tv/blog/?p=21678 Romanità a tavola: lo stufatino

Il secondo piatto che ci propone quest’oggi Elisa per la rubrica Romanità a tavola è una vera delizia per il palato: lo stufatino!

La parola a Elisa…

Si sa, la cucina regionale nasce come cucina povera, come un modo per utilizzare anche i tagli di carne che altrimenti verrebbero scartati. A Roma, ad esempio, è nota la cucina del quinto quarto, ossia di ciò che avanza dal taglio dei quattro quarti “più nobili” dell’animale.

Non fa parte del quinto quarto ma, un taglio abbastanza inconsueto è: il muscolo, carne abbastanza dura che necessita una lunga cottura, ma che risulta decisamente saporita, proprio per la presenza di tessuti connettivi e fibrosi e si presta molto bene per brodi o spezzatini.

Non sempre le macellerie ne sono fornite, magari è meglio ordinarlo in anticipo dal vostro macellaio di fiducia. Lo stufato di solito si fa con i tagli più pregiati di carne invece lo ‘stufatino’ prende questo diminutivo proprio perché è fatto con un taglio considerato di seconda scelta.

La ricetta che ho usato è tratta dal libro “Cucina romana e ebraico-romanesca” di Giuliano Malizia, leggermente modificata a mio gusto. I contorni suggeriti: sono sedani lessati o cardi (detti anche gobbi) io direi anche che delle patate fanno al caso suo!

Il trucchetto della nonna questa volta? Lasciare per una notte il muscolo a bagno nel latte per renderlo più morbido.

Porzioni 2-3
Tempo di preparazione 2 ore
Difficoltà 2
Prezzo indicativo 7 euro

Ingredienti

  • 500 gr di muscolo
  • olio
  • sale
  • pepe
  • mentuccia romana
  • ½ bicchiere di vino rosso
  • 1 cipolla
  • 1 barattolo di pomodori pelati

Preparazione

In una casseruola di coccio scaldare dell’olio e far soffriggere la cipolla. Tagliare il muscolo a fettine e cominciare la cottura.

Aggiungere sale, pepe e mentuccia fresca tritata, quando la carne comincia a rosolare aggiungere un mezzo bicchiere di vino rosso e lasciarlo sfumare.

Aprire i pelati, pulirli dai semi e aggiungerli alla carne. Chiudere la casseruola e lasciar cuocere 2 ore abbondanti, a fuoco basso. Il sugo deve rapprendersi ed essere tutto assorbito dalla carne, se necessario aggiungere un pochino d’acqua. La salsa deve essere densa e scura a fine cottura.

Ti potrebbero anche interessare

]]>
http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/romanita-a-tavola-lo-stufatino/feed/ 0
Stufato d’agnello, una ricetta per Saint Patrick’s Day http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/stufato-dagnello-una-ricetta-per-saint-patricks-day/ http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/stufato-dagnello-una-ricetta-per-saint-patricks-day/#comments Mon, 15 Mar 2010 11:23:52 +0000 Redazione http://www.madeinkitchen.tv/blog/?p=21614 Stufato d'agnello per il Saint Patrick's Day

In onore di Saint Patrick’s Day (17 Marzo), la più importante festività per gli irlandesi e per tutti coloro che hanno origine irlandese nel mondo (e ce ne sono tantissimi, dopo l’onda migratoria del secolo scorso), vogliamo proporvi una gustosa ricetta “irish” che si prepara con la birra: lo stufato di agnello!

Non stiamo parlando di una birra qualsiasi, bensì della Guinness, che dona un sapore ricco e complesso a questo secondo piatto senza che il suo gusto sovrasti quello della carne e delle verdure.

Porzioni 4-5
Tempo di preparazione 90 minuti
Difficoltà 3
Prezzo indicativo 10-15 euro

Ingredienti

  • 80 gr di burro
  • 1 kg di carne d’agnello (la gamba disossata), tagliata a cubetti
  • 1 bottiglia di stout Guinness
  • 400 ml di brodo di manzo
  • 500 ml di polpa di pomodoro
  • un pizzico di sale
  • pepe nero appena macinato
  • poco timo essiccato
  • 2-3 cipolline fresche sbollentate
  • 200 gr di piselli
  • 350 gr di funghi (a piacere)
  • 150 ml di panna
  • 50 gr di farina

Preparazione
Prendete una casseruola capiente ed imburratela. Aggiungete la birra, il brodo di manzo, la polpa di pomodoro, sale, pepe, timo, e le cipolline. Coprite e fate cuocere per 45 minuti.

Eliminate il grasso in eccesso con la schiumarola e aggiungete i piselli e i funghi. Coprite e fate cuocere altri 15 minuti, o finché l’agnello e le verdure non diventano tenere.

Mettete a sbattere la farina con la panna. Versate il composto nello stufato in ebollizione e abbassate leggermente la fiamma. Lasciate cuocere per 2 minuti, mescolando finché il composto non si addensa. Aggiustate di sale e pepe.

Servite con purè di patate o con patate stufate.

Foto St Patrick’s Day

Ti potrebbero anche interessare

]]>
http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/stufato-dagnello-una-ricetta-per-saint-patricks-day/feed/ 0
Polpette di carne al sugo rosso per la Festa del Papà! http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/polpette-di-carne-al-sugo-rosso-per-la-festa-del-papa/ http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/polpette-di-carne-al-sugo-rosso-per-la-festa-del-papa/#comments Thu, 11 Mar 2010 12:20:08 +0000 Redazione http://www.madeinkitchen.tv/blog/?p=21434 Polpette di carne al sugo rosso per la Festa del Papà!

Che ne dite di una ricettina salata per la festa del papà? Il grande giorno si avvicina, San Giuseppe si festeggia la prossima settimana, il 19 Marzo, e bisogna iniziare a pensare seriamente a un menù che possa lasciare soddisfatta tutta la famiglia ma soprattutto… il babbo!

La ricetta che vi proponiamo come secondo piatto è quella delle polpette al sugo rosso: molto semplice da realizzare e decisamente sfiziosa!

Porzioni 5-6
Tempo di preparazione 1 ora
Difficoltà 2
Prezzo indicativo 10 euro

Ingredienti

  • 800 gr di carne macinata mista
  • 200 gr di prosciutto cotto tagliato a cubetti
  • 200 gr di pane raffermo
  • latte q.b.
  • parmigiano e pecorino q.b.
  • 1 uovo
  • sale e pepe q.b.
  • 3-4 foglie di basilico
  • pangrattato q.b.
  • 750 gr di passata di pomodoro
  • 1 spicchio d’ aglio
  • ½ cipolla rossa
  • olio d’oliva

Preparazione
Spezzettate grossolanamente il pane raffermo e mettetelo a bagno nel latte. Strizzatelo e frullatelo insieme al prosciutto cotto. Versate il contenuto in una ciotola e aggiungete la carne macinata, il basilico spezzettato, i formaggi grattugiati, l’uovo, sale e pepe.

Mescolate bene con una forchetta in modo da formare un composto abbastanza uniforme. Formate delle palline con le mani, passatele nel pangrattato e mettetele in un vassoio.

Preparate il sugo: fate soffriggere la cipolla tritata e l’aglio intero in una padella alta, e aggiungete la passata di pomodoro.

A questo punto avete due opzioni: se volete che le vostre polpette rimangano abbastanza leggere ma meno saporite, aggiungetele subito al sugo; nel caso contrario, lasciatele friggere per qualche minuto in abbondante olio e passatele successivamente nel sugo.

Il tempo di cottura complessiva non deve superare i 40 minuti. Buona festa del papà!

Foto di vauvau

Ti potrebbero anche interessare

]]>
http://www.madeinkitchen.tv/blog/ricette/polpette-di-carne-al-sugo-rosso-per-la-festa-del-papa/feed/ 0