Un sapore della nostra terra: la Toma Piemontese

mar, feb 8, 2011

I Sapori

toma piemontese

toma piemontese

Volete scoprire un nuovo sapore della nostra terra? Presto fatto, oggi abbiamo deciso di proporvi la deliziosa Toma Piemontese, un sapore tipico del Piemonte.

Vi ricordiamo che potete contribuire in prima persona ad accrescere e modificare la mappa delle eccellenze italiane iscrivendovi a ‘I sapori della nostra Terra’, se invece siete già iscritti a MadeinKitchen.tv, sarà ancora più semplice perché potrete utilizzare gli stessi dati di accesso.

La produzione del formaggio Toma è, fin da epoca medievale, strettamente legata all’areale alpino piemontese ed in particolare ai margari che sfruttavano i pascoli montani nel periodo estivo per poi ridiscendere a fondovalle o in pianura nel periodo invernale.

Questo nomadismo ha influito costantemente sulla grande frammentarietà sia dei luoghi che delle tecniche di produzione della Toma piemontese. Attualmente la produzione di Toma piemontese è di 1,9 milioni di kg annui. La sua distribuzione geografica copre gran parte del territorio del Piemonte con l’esclusione delle province di Asti e Alessandria, fatti salvi alcuni comuni (10) di queste ultime.

La maggiore concentrazione produttiva si riscontra comunque in poche aree: la provincia di Torino con quasi il 45% del totale (in particolare in Val Susa, Valli di Lanzo, Canavese e la zona di pianura), la montagna Biellese e l’alta Val Sesia con il 15% e la pianura Cuneese con il 12%.

La trasformazione del latte in formaggio Toma piemontese avviene in 35 caseifici, perlopiù localizzati in aree di pianura, che lavorano circa il 70% del prodotto; il rimanente 30% viene trasformato direttamente da circa 320 aziende zootecniche generalmente localizzate in zona montana e che, spesso, effettuano la monticazione estiva.

A partire dal 1993 la Toma piemontese è un formaggio a denominazione d’origine per la legge italiana e dal 1996 è una denominazione d’origine protetta dell’Unione Europea. Attualmente circa il 60% della produzione viene marchiata con il logo della d.o.

La Toma piemontese si presenta di forma cilindrica, con diametro di 20-30 cm, uno scalzo arrotondato inferiore ai 20 cm e un peso variabile tra i 5-10 kg. La crosta è in genere poco spessa, mentre la pasta è di colore giallo uniforme ma di intensità variabile nelle diverse tipologie individuate. L’occhiatura è a distribuzione regolare con occhi piccoli (2-3 mm), di forma irregolare e poco numerosi (10-50/50cm2).

Volete qualche ricetta gustosa con il formaggio come ingrediente? Provate questi sformatini al formaggio, oppure delle stelline ai funghi o ancora degli involtini di melanzane grigliate!


Ecco gli altri sapori della nostra terra!


Ti potrebbero anche interessare

, , ,

Questo post è stato scritto da:

Redazione - che ha scritto 1985 post il Made in Kitchen Blog.


Contatta l'autore

Rispondi